Incarichi e Progetti

Dieci metodologie di project management che dovresti conoscere

Dieci metodologie di project management che dovresti conoscere
Yuliya Skorobogatova
June 14, 2019
Ultimo aggiornamento: June 14, 2019

Gestire gli affari è stressante e, a prescindere dall’industria o dal mercato in cui operi, sei costretto ad affrontare alcuni ostacoli e fare molti errori. Tuttavia, puoi minimizzare gli errori assumendo le persone giuste. Durante la fase di crescita dell’impresa è impossibile cercare di tenersi al passo con tutto e dovrai cercare un buon team e assumere molti imprenditori. O forse, hai già un team interno che realizza i tuoi progetti o li consegna ai clienti. Indipendentemente da cosa sia, la tua azienda può trarre grandi vantaggi dalle metodologie di project management. Si tratta di sistemi appositamente progettati in modo da poter trasformare una pila ingestibile di incarichi in un perfetto equilibrio di ordine, responsabilità personale, motivazione e risultati eccezionali.

 

Il project management è una scienza della gestione dei progetti ma in realtà gestisce le persone. Quindi, ogni metodologia dovrebbe essere applicata con cautela. Tieni sempre a mente il tuo obiettivo finale. Sicuramente la consegna di un progetto ha la priorità ma se questo avviene a spese della motivazione dei tuoi dipendenti e dei naturali livelli di produttività, potresti ritrovarti con un sistema perfetto e un progetto redditizio ma potresti non avere un team su cui contare. Ricorda sempre che la chiave per un progetto impeccabile è l'equilibrio tra una metodologia corretta e la felicità delle persone.

Inoltre, ricorda che non esiste una sola metodologia ma puoi combinarle e trovare l'opzione che fa per te.

Ecco le 10 migliori metodologie di project management che dovresti conoscere:


Le 10 migliori metodologie di project management

 

1. Metodologia agile

 

La metodologia agile è una delle metodologie più popolari oggigiorno. Radicata nello sviluppo del software, la metodologia agile implica la divisione del progetto in iterazioni e, successivamente, si lavora su un’iterazione alla volta mentre si riceve costantemente un flusso di feedback. Quando il team completa l'iterazione, questa viene mandata al cliente, che fornisce un feedback il quale permette di migliorare il risultato.

 

Agile è una metodologia basata soprattutto sul concetto del Minimal Viable Product (MVP). La prima coppia di iterazioni di successo di solito costituisce il nucleo di MVP.

 

Agile è nato all'interno del settore dello sviluppo di software ma può essere utilizzato in ogni industria o impresa.

 

2. Kanban

 

Kanban è un altro metodo che può essere utilizzato in qualsiasi area di business. Proveniente dal Giappone, la scheda Kanban viene usata per dividere visivamente il progetto in incarichi e vedere lo stato di ognuno di questi.

 

La scheda Kanban di solito include tre segmenti: da fare, in corso e fatto ma tu puoi organizzarli e rinominarli come preferisci. Puoi posizionare gli incarichi sotto i segmenti pertinenti e spostarli da un segmento all'altro.

 

Kanban rende la gestione dei progetti più semplice e ti permette di identificare le aree di basso rendimento. Se noti che molti incarichi sono bloccati nel segmento in corso, è evidente che gli incarichi stiano richiedendo più tempo di quello calcolato inizialmente.

 

3. Scrum

 

Scrum è una metodologia di sviluppo software molto popolare. Come la metodologia agile, si basa sull'idea di piccole iterazioni, ma sono presenti alcuni step aggiuntivi. Ad esempio, Scrum prevede un meeting quotidiano di 15 minuti per discutere dell'avanzamento del progetto. Inoltre si deve nominare uno scrum master che tiene sotto controllo il progetto e aiuta il team di sviluppo a superare gli ostacoli.

 

Scrum ti obbliga a fissare degli obiettivi a breve termine e fa in modo che tu possa raggiungere più velocemente degli ottimi risultati. I progetti creativi trarrebbero grande beneficio dall'implementazione della metodologia Scrum.

 

4. Lean

 

Lean è più una filosofia di lavoro che una metodologia. Il messaggio chiave della filosofia Lean è: lavorare in modo più intelligente e non più intensamente. Lean definisce tutte le cose che dovrebbero essere eliminate dalla tua vita, in modo tale da renderti più produttivo. Queste sono muda, mura e muri.

 

Muda significa togliere tutto ciò che è superfluo nel processo lavorativo. Può essere l'inventario, l'eccessivo movimento, la navigazione e così via. Eliminando muda, rendi i risultati lavorativi così ricchi di valore che nessuno potrà superarti. Mura rappresenta l'incoerenza del tuo processo lavorativo. Potresti portare a termine un incarico in un'ora e poi dover aspettare una giornata intera per il feedback del cliente. Il tempo di attesa è mura. Infine, muri rappresenta la pressione e lo stress che eserciti sulle persone senza alcun motivo.

 

In definitiva, la metodologia Lean ti consente di guardare il tuo processo lavorativo con occhio critico. Quando ridurrai gli sprechi all'interno del tuo processo lavorativo, sarai in grado di migliorare significativamente i risultati.

 

5. Modello a cascata

 

Questa è una vecchia metodologia di project management semplice e complicata allo stesso tempo. Con il modello a cascata dovrai conoscere le consegne esatte, il budget e dovrai avere una scadenza precisa. Il progetto si divide in fasi e ognuna dipende dal completamento della precedente.

 

Questa metodologia implica una pianificazione accurata e dei limiti rigidi. Lo scopo del progetto raramente cambia e quando questo accade generalmente il progetto è in alto mare.

 

6. Metodo del percorso critico

 

Questa metodologia si basa su un algoritmo. Nel metodo del percorso critico, si seguono 3 fasi: determinare l'elenco delle attività, impostare le dipendenze tra le attività e determinare in quanto tempo ciascuna attività verrà svolta. Una volta che hai svolto queste tre fasi preparative, sarai in grado di vedere quale sia il percorso più breve. Il metodo del percorso critico permette di liberarti di alcune attività che potrebbero rallentare il progetto.

 

Questo metodo è adatto per progetti di grande portata con un ambito predeterminato. Se utilizzi questa metodologia, la flessibilità sarà l'ultima cosa a cui potrai pensare.

 

7. Six Sigma

 

Il Six Sigma, metodologia relativamente nuova, mira a trovare il perfetto equilibrio tra efficienza del progetto, obiettivi aziendali e morale dei dipendenti. L'idea chiave di questo metodo è prevenire gli errori prima ancora che si verifichino. Un'altra cosa importante nel metodo Six Sigma è il pensiero statistico, infatti, i membri del team dovrebbero conoscere la statistica avanzata e il project management.

 

Il metodo Six Sigma si sviluppa in 5 passaggi: definire, misurare, analizzare, migliorare e controllare. Poiché Six Sigma ha imposto una chiara definizione di ambito, non è l'ideale per i progetti con esigenze mutevoli. Tuttavia, può essere usato per progetti che hanno degli obiettivi chiari e un team decisionale solido.

 

8. Rapid application development

 

Lo sviluppo software ci ha dato un’infinità di metodologie di project management e il Rapid application development è una di queste. Questo è un metodo basato su un'iterazione costante, proprio come Agile e Scrum. Questo metodo funziona meglio per progetti altamente adattabili che possono essere migliorati praticamente all'infinito.

 

La metodologia del Rapid application development delinea le 4 fasi del progetto. Tieni presente che questo è un processo ciclico quindi una volta che la fase finale è completata, il processo ricomincia.

 

Fase 1. Requisiti per la pianificazione - mettere insieme tutte le informazioni necessarie per iniziare il progetto. 

Fase 2. Creazione dell'utente - raccolta dei feedback degli utenti per creare l'architettura del sistema. 

Fase 3. Costruzione rapida - costruire un sistema basato sulle informazioni raccolte e i feedback degli utenti. 

Fase 4. Cutover - lancio del progetto nell'ambiente live e collaudo.

 

9. Prince2

 

Simile al metodo a cascata, il Prince2 è una metodologia di project management risalente ai tempi in cui il cambiamento d'ambito di un progetto equivaleva alla ‘fine del mondo’. Prince2 prevede una rigorosa pianificazione iniziale e un'organizzazione e un controllo continuo durante il ciclo di vita dell'intero progetto.

 

Prince2 definisce 7 fasi del ciclo di vita del progetto:

 

Fase 1. Iniziare un progetto - richiesta per un progetto e abbozzo dei dettagli

Fase 2. Orientare un progetto - valutazione del progetto e giustificazione commerciale 

Fase 3. Avviare un progetto - determinazione dell'ambito, del budget e del prospetto del progetto

Fase 4. Controllo di una fase - il project manager supervisiona l'esecuzione del progetto e corregge, se necessario, la linea di condotta

Fase 5. Gestione della consegna del prodotto - il progetto viene valutato secondo i risultati final 

Fase 6. Gestire i limiti delle fasi - il progetto è definito secondo i termini stabiliti

Fase 7. Chiusura del progetto - fase in cui il progetto viene consegnato e vengono presentati i rapporti.

 

10. Project Management Institute (PMI)

 

La pianificazione è la chiave del metodo PMI. Come nel modello a cascata, il PMI funziona benissimo per progetti che hanno budget ridotti e tempistiche limitate. Il PMI suddivide il progetto in 5 fasi: concezione e avvio, pianificazione, esecuzione, compimento e monitoraggio e chiusura. Le fasi sono organizzate in un ordine progressivo cosicché ogni fase sia completata prima dell'inizio della successiva.

 

Il PMI è una metodologia fantastica. È stato dimostrato che funzioni per migliaia di progetti su larga scala negli Stati Uniti. Tuttavia, non è l'ideale per le piccole imprese dove le decisioni sono affrettate e il cambiamento è inevitabile.

 

Per concludere

 

In definitiva, tutta le tecniche di project management possono essere considerate sia tradizionali che moderne. La maggior parte dei progetti di sviluppo software richiede un approccio moderno - questi sono progetti flessibili con una vaga idea dell'ambito finale, del tempo e del budget. Le metodologie Agile, Lean, Scrum e Rapid application development funzionano meglio per tali progetti. D'altra parte, l'approccio tradizionale favorisce la ponderazione di tutti i fattori prima di prendere una decisione finale. Questo approccio elimina lo spreco di energie ma non consente la creatività. Le metodologie di approccio tradizionale come il modello a cascata, Prince2, PMI, Six Sigma e il metodo del percorso critico sono più adatte ai progetti che hanno un risultato finale chiaro, per esempio, un progetto di costruzione o un progetto per il modello di una nuova automobile. Infine, Kanban è un ottimo metodo per la produttività personale e per ottenere risultati come team. 

Nessuno ti dirà quale sia la metodologia di project management adatta alla tua impresa ma, capendo quanto siano variabili le esigenze del progetto, potrai scegliere, tra approccio tradizionale e moderno, il metodo più adeguato e successivamente perfezionarlo fino a trovare la metodologia di project management perfetta per te.


Free. Unlimited. Online.
Bitrix24 is a place where everyone can communicate, collaborate on tasks and projects, manage clients and do much more.