Registrati gratuitamente

Come diventare Product Manager

Come diventare Product Manager
Tatiana Klimenko
17 December 2021
Ultimo aggiornamento: 17 December 2021

Chi si occupa di product management, ‘gestione del prodotto’ in italiano, ricopre un ruolo multiforme. Più informazioni e conoscenze si hanno, più è efficace il ruolo svolto in questo campo. La gestione del prodotto non è una conoscenza che può essere acquisita in uno o due anni e senza esperienza sul campo. Un product manager inesperto segue l'organizzazione e non può dare all'organizzazione l'orientamento richiesto.

Affinché un principiante, ma anche un professionista, possa progredire nel lavoro più velocemente e facilmente, ha bisogno di esperienza che non per forza deve acquisire in prima persona ma che può ottenere da persone più esperte già in possesso di tali capacità o, in altre parole, può fare propria l'esperienza di persone già specializzate e più esperte. A tal proposito, Smart Start è un programma con il quale si invitano persone esperte a condividere il proprio percorso affinché i partecipanti possano apprendere attraverso le loro esperienze.

 

Chi è il product manager?

Il product manager (PM) è colui che decide quali prodotti e software dovrebbero essere prodotti e fornisce il suo aiuto nella gestione dei processi di ricerca, progettazione, test e nella creazione della strategia di ingresso nel mercato. Nonostante un product manager abbia molte responsabilità, decidere cosa produrre e in quale ordine spetta al consumer manager, ‘manager del cliente’. Esistono due elementi principali che permettono di dare priorità a ciò che dovrebbe essere prodotto: la possibilità di massimizzare il numero di clienti e l'impatto del business sul mercato. Il product manager deve ottimizzare entrambi gli aspetti al fine di creare maggiore valore per il business. Ciò porta a prodotti vantaggiosi per il consumatore e redditizi per l'azienda.

Il product manager è anche responsabile dello sviluppo del prodotto e della gestione del team e, allo stesso tempo, è responsabile della diffusione delle informazioni e della trasparenza dei propri obiettivi. Nella gestione del prodotto, il rispetto delle scadenze è fondamentale, quindi i consumer manager hanno bisogno di capacità di comunicazione professionale e di una leadership forte. I product manager di solito lavorano e guidano i team per progettare, realizzare e commercializzare i loro prodotti. Sono responsabili dell'aggregazione dei dati, dell’analisi e hanno l'ultima parola sulle decisioni relative ai prodotti. 

In effetti, questo porta a molti incarichi più piccoli come la gestione del backlog del prodotto, aggiornamento della road map del prodotto, relazionarsi con i clienti e coordinare diversi team (per assicurarsi che tutti si muovano verso l’obiettivo comune). Questo non è un compito da poco e comporta numerosi incontri con persone diverse. La skill più importante per un product manager è la capacità di lavorare con altre persone.

Una cosa molto importante è l’essere in grado di mettere insieme più persone di diversi reparti dell'azienda con programmi e motivazioni diverse e le opportunità fornite dalla vision.

 

Cosa fa un product manager?

Il product manager identifica le aree del progetto e le tempistiche di consegna per i team di sviluppo ed è anche responsabile dell'elaborazione di una visione del prodotto e della creazione di una strategia realizzabile. È suo compito anche coordinare e guidare i team di ingegneri dalla pianificazione iniziale al lancio del prodotto finale. In altre parole, un product manager deve identificare i problemi e i bisogni del cliente che l'azienda deve cercare di risolvere. Pertanto, i consumer manager lavorano con i team di sviluppo e di progettazione per convalidare e implementare soluzioni e, infine, introdurre un prodotto sul mercato.

A seconda dell'organizzazione, spesso spetta al product manager dare priorità ai problemi che devono essere affrontati immediatamente e valutare le preoccupazioni dei clienti come problemi alla cui risoluzione vale la pena dedicare tempo e risorse. Questa posizione prevede diverse responsabilità e, di seguito, puoi trovare alcuni degli incarichi più comuni e importanti:

 

1.     Creazione di visione del prodotto

2.     Gestione di idee e feedback

3.     Pianificazione e priorità

4.     Creazione di road map del prodotto

5.     Leadership nell'implementazione del prodotto

6.     Rifornimento del prodotto

7.     Elaborazione di feedback per i miglioramenti

 

E ancora:

•          Assicurarsi che tutti i team abbiano un'idea chiara di come il loro lavoro influisca sugli obiettivi comuni

•          Supportare il marketing, l'assistenza clienti e i team di sviluppo tecnico (soprattutto per le attività tra i team)

•          Assicurarsi che le specifiche del software, le user story e le release siano trasparenti

•          Raccogliere feedback per comprendere la soddisfazione degli utenti

•          Monitorare il comportamento degli utenti

•          Decidere i passaggi da affrontare per apportare migliorie al prodotto.


I product manager di solito crescono in almeno una delle altre aree di prodotto (tecnica, user experience, business) e poi passano alla gestione del prodotto. Naturalmente, questo non per forza fa di un product manager un buon product manager. L'esperienza nella gestione del prodotto è importante perché bisogna comprendere il lavoro degli altri per poter lavorare insieme.

 

Come essere un buon product manager?

Ci sono delle competenze chiave che ogni product manager dovrebbe avere. Molte di esse possono essere sviluppate attraverso lo studio, ma la maggior parte si ottengono con l’esperienza, buoni modelli di riferimento e coaching.

Ecco alcune delle competenze richieste:

 

•          Saper condurre interviste con i clienti e test degli utenti

•          Saper realizzare i design

•          Saper stabilire le priorità e pianificare una tabella di marcia

•          Saper allocare le risorse disponibili

•          Saper svolgere una valutazione di mercato

•          Saper trasformare i requisiti aziendali in funzionali e viceversa

•          Saper stabilire i prezzi

•          Saper definire e perseguire metriche di successo.

 

Queste competenze chiave sono alla base del lavoro di qualsiasi product manager e i migliori consumer manager apprendono queste abilità nel corso degli anni per definire, inviare e replicare i prodotti. 

I consumer manager sanno che ciascuna di queste competenze contribuisce al successo o al fallimento dei loro prodotti e adeguano costantemente il proprio approccio in base al feedback dei clienti. Un buon manager è colui che, oltre a fornire il prodotto giusto al momento giusto, si assume tutte le responsabilità per il successo del prodotto.

Un buon consumer manager conosce l’insieme (azienda, modello di reddito, concorrenti, etc.) ed è responsabile della creazione e dell'esecuzione di un piano vincente, al contrario di uno meno bravo che tira fuori decine di scuse (“il capitale finanziario non basta”, “il responsabile del team tecnico è un incompetente”, “il team tecnico di Microsoft è dieci volte il nostro”, “lavoriamo troppo ma non siamo abbastanza coordinati”, etc.). Queste lamentele non sono accettabili per l'amministratore delegato del prodotto. 

I buoni manager non passano il loro tempo a coordinare persone diverse per presentare il prodotto al mercato e ai proprietari del prodotto, non registrano i risultati delle riunioni di tutto il team di prodotto, non sono i project manager delle varie funzioni. I buoni manager non fanno parte del team di prodotto ma lo gestiscono. I team tecnici non vedono un buon manager come una risorsa di marketing.

I buoni consumer manager sono sia responsabili del marketing sia dell’aspetto tecnico. I buoni manager definiscono abilmente gli obiettivi e gestiscono il processo, dal suo avvio fino alla consegna, occupandosi del cosa. I cattivi manager sentono che il loro lavoro sia migliore quando risolvono il come. I buoni leader del prodotto comunicano facilmente con gli ingegneri e sono bravi a relazionarsi con essi, non si limitano a dirigere informalmente la squadra. Un buon product manager raccoglie documentazione, domande frequenti, presentazioni e white paper. Mentre quelli meno bravi si lamentano di essere continuamente sopraffatti dal lavoro.

Un buon manager anticipa i punti deboli del prodotto e trova soluzioni reali a differenza di uno meno bravo che si trova a dover risolvere le preoccupazioni dei clienti arrabbiati. 

Un buon consumer manager espone la sua posizione su questioni importanti (soluzioni competitive, scelte difficili, decisioni di prodotto, mercati da raggiungere o abbandonare). I buoni manager portano il team a focalizzarsi su ricavi e clienti, quelli meno bravi criticano e invidiano i competitor, senza guardare al proprio lavoro.

Un buon product manager sa come offrire valore al mercato durante la pianificazione interna e sa raggiungere quote di mercato durante la pianificazione esterna. Questo anche grazie al fatto che, in caso di problemi, il manager si ferma ad analizzarli per trovare una soluzione, a differenza di quelli meno bravi che i problemi li creano. I buoni product manager pensano bene alla storia che vogliono raccontare attraverso i media, in quanto ne comprendono il pieno potenziale. Al contrario, i cattivi product manager si impegnano a coprire tutte le funzionalità e ad esprimere accuratamente i problemi tecnici con i media, sottovalutando il loro potenziale.

 

Come diventare product manager 

La maggior parte dei ruoli ricoperti dal product manager richiede una precedente esperienza nel management. Tuttavia, ci sono opportunità che forniscono una preziosa preparazione e rafforzano la tua posizione, anche se non hai ancora lavorato in questo campo. Janna Basto (co-fondatrice di ProdPad) ha svolto il suo primo lavoro nel product management pochi mesi dopo aver iniziato la sua carriera nel supporto software presso un'azienda di software. L'azienda si trovava in grandi difficoltà e lei si è ritrovata a dover mettere insieme le componenti dell’azienda.

Ha raccontato che trascorresse tutto il giorno a parlare con clienti arrabbiati per problemi ricorrenti che non sembravano trovare una risoluzione. Così ha iniziato a scrivere e presentare soluzioni dettagliate al team di sviluppo. A quel tempo non sapeva che questo fosse scrivere le specifiche del prodotto. Il suo manager si rese conto della sua bravura e la promosse ufficialmente alla posizione di manager. In questo caso, per diventare product manager bisogna gestire bene il prodotto fino a quando qualcuno si rende conto del nostro operato. Ma se vuoi entrare direttamente in questo mondo, ecco alcune cose da tenere a mente:

 

Sei più creativo o più tecnico?

Se osservi le offerte di lavoro, vedrai che esiste una vasta gamma di posizioni: alcuni sono alla ricerca di candidati creativi e altri di una persona più tecnica che sia in grado di mantenere attuale il prodotto. Pensa a quali sono le tue capacità e, di conseguenza, scarta gli annunci non adatti.

 

Ti interessa il prodotto o il settore in cui lavori?

Come accennato in precedenza, una delle caratteristiche del product manager è quella di essere appassionato del prodotto, e se ti trovi ad avere a che fare con un prodotto che non è di tuo gradimento o lavori in un campo che non ti interessa, non puoi offrire il tuo pieno potenziale.

 

Com’è la cultura organizzativa?

Quando scegli di lavorare per un'azienda, assicurati che offra delle possibilità di crescita, sia professionale che personale.

 

Come diventare product manager nella tua attuale azienda?

Per capire meglio come diventare un product manager, ti forniamo alcuni esempi e consigli che possono aiutarti a raggiungere questa posizione nella tua attuale azienda.

Ecco due ricordi di uno dei product manager di HubSpot: 

Trova un progetto che puoi portare a termine

 

Nel 2015, non vedevo l'ora di diventare product manager di HubSpot. Sono stato attratto da questo ruolo per il potenziale impatto che avrei potuto avere sul business. Ho lavorato come esperto di assistenza clienti di HubSpot e ho deciso di seguire un corso di product management alla General Assembly. Come parte del mio progetto finale, ho dovuto scegliere un problema e passare attraverso potenziali soluzioni di convalida per il mercato. 

Dopo aver presentato il problema e la soluzione, ho lavorato con un collega per dare seguito al vero problema: gestire la condivisione digitale mensile (come Spotify, Netflix, etc.) tramite un'app separata sul cellulare. Tre mesi dopo, è nata la nostra app per iOS, Subscript Me, con lo scopo di aiutare le persone a gestire le proprie condivisioni e a trovare servizi migliori. Come parte del processo di sviluppo del prodotto, ho svolto ricerche di mercato e indagini sugli utenti, progettato e testato il prototipo e ho collaborato con uno sviluppatore per il prodotto dell'app per offrire al mercato una nuova soluzione. Dopo 18 mesi, dopo aver trovato un modello di business adatto, ho smesso di lavorare sull'applicazione. Anche se dal punto di vista commerciale non ho raggiunto il successo desiderato o qualsiasi posizione relativa al product management, ho fatto tutto ciò che fa un product manager per convalidare problemi e soluzioni.

 

Offriti volontario per risolvere i problemi come progetto parallelo

Che tu lavori per una startup o per una grande impresa, le aziende consentono ai dipendenti di risolvere i problemi. Se non sei in grado di essere indipendente o non hai tempo per lavorare su problemi che si verificano al di fuori del tuo lavoro principale, continua a cercare un modo per te e il tuo manager di credere che ci sia una soluzione più valida. Questa volta sono stato promosso da rappresentante dell'assistenza a esperto esecutivo. In quel momento, stavamo cambiando sistema di fatturazione, il che causava molti problemi al cliente in termini di accesso al sistema di fatturazione stesso.

Ho chiesto al mio manager se potesse lasciare a me il compito di risolvere il problema che stavamo affrontando. E ho fatto di tutto per risolverlo. Ogni volta che si verificavano problemi con la fatturazione, avevo dei colleghi che suggerivano il mio metodo al cliente. Ho risolto il problema di fatturazione per alcuni clienti e ho inviato i miei risultati a un team che lavorava su un set specifico di prodotti. Infine, siamo stati in grado di ridurre i problemi legati alla fatturazione con un'ottima soluzione che il team di prodotto ha escogitato poche settimane dopo. Ho imparato molto lungo la strada, ad esempio, a dare priorità e a interagire con diversi team. Alla fine, non ero ancora un product manager ma era ora di passare alla risoluzione del problema successivo.

 

Per concludere

Una cosa interessante del product management è che non esiste un unico modo per diventare product manager. Non ci sono barriere per entrare in questo mondo e si tratta di un ruolo che può avere un impatto visibile sull'organizzazione. 

I migliori product manager hanno imparato da soli. Se vuoi davvero essere un product manager, il modo migliore per prepararti è conoscere e sfruttare l'esperienza degli altri. Inizia subito: risolvi un problema, ancora un altro e poi un altro ancora. Se trovi la soluzione a diversi problemi, diventi un product manager. Per raggiungere tale obiettivo, sarà necessario utilizzare tutti gli strumenti ed esperienze professionali che hai a disposizione. Riteniamo che la piattaforma Bitrix24 possa essere una buona scelta da questo punto di vista.

 

 

 

Free. Unlimited. Online.
Bitrix24 is a place where everyone can communicate, collaborate on tasks and projects, manage clients and do much more.
Registrati gratuitamente
Ti potrebbero interessare
I 10 migliori CRM per hotel
Le migliori 5 alternative a Slack per il 2021
I migliori 5 software di project management per il 2021
Software CRM gratuiti per uso personale: i migliori del 2021